lunedì 19 novembre 2012

Chi è il vero Pinocchio di Solbiate?

La proposta dell' attuale maggioranza del Consiglio Comunale di Solbiate Olona (Voce Solbiatese) di permettere l' installazione di una "Centrale Termica" o "Gassificatore" , conferma, ancora una volta, la mancanza assoluta della più elementare pianificazione del territorio. Dato che la giunta comunale era sicuramente a conoscenza che l' area interessata dove verrà realizzata questa "Centrale a Biomassa" , come si dice, sia quella della Bonicalzi S.r.l (SP2), non era questo un ulteriore  buon motivo per non eliminare il Parco di Solbiate .
 
Le bugie hanno le gambe corte 
da un articolo del 2009 su Valleolona.com che parlava di un inceneritore:

"Crescono i sospetti di una minaccia sollevata a scopo elettorale"


Il tema era di quelli troppo invitanti per essere ignorato in una campagna elettorale dai toni accesi come quella vissuta a Solbiate Olona in occasione delle recenti Comunali. Ventilare la realizzazione di un termovalorizzatore in un territorio con gli spazi verdi già ridotti all'osso è uno di quegli argomenti capaci di fare presa sulla gente e in grado di spostare parecchi voti, probabilmente decisivi quando due candidati arrivano a giocarsi la poltrona per soli ventidue voti.
A distanza di un mese dall'esito delle urne e a Giunta pienamente operativa è lecito attendersi sia giunto il momento di fare chiarezza sulla situazione, soprattutto alla luce di possibili sviluppi in ottica soprattutto di immagine istituzionale. La paternità del presunto allarme ambientale viene rivendicato da due liste: quella dell'attuale Sindaco Luigi Melis e Solbiate Democratica Non appena adocchiata l'opportunità, entrambi gli schieramenti non hanno perso tempo a redigere volantini da recapitare puntualmente nelle caselle postali del paese già intasate di pubblicità. ...
Gli sviluppi più recenti della questione, sembrerebbero alimentare tale sospetto. Per prima cosa, in considerazione dei toni assunti dalla questione, un intervento ufficiale, peraltro espressamente richiesto, dell'Amministrazione solbiatese sarebbe stato almeno opportuno, per non dire doveroso. Soprattutto da parte di chi ha passato anni ad accusare la Giunta precedente di totale assenza di comunicazione e ora alla prima occasione dà l'impressione di averne ereditato non solo gli atti ma anche gli atteggiamenti.
All'apparenza, inizialmente diversi tasselli sembravano combaciare.  Uno svincolo dell'Autostrada Pedemontana in un primo tempo non previsto e successivamente aggiunto in modo da rendere plausibile un nuovo insediamento industriale. D'altra parte, tutta da valutare l'effettiva inutilità dello svincolo incriminato; in assenza di analisi indipendenti, effettivi benefici sul traffico locale non sono ancora da scartare.
A sparigliare le carte però, le affermazioni rilasciate dalla Giunta solbiatese al quotidiano La Provincia. Fermo restando la volontà dichiarata dell'Amministrazione di esaminare la situazione con la dovuta attenzione, soprattutto alla luce dei cambiamenti urbanistici già avvenuti nella zona dello svincolo rispetto al progetto iniziale, l'affermazione di Mario Sansalone, Assessore alle Relazioni esterne di Solbiate Olona; "Per quanto riguarda l’inceneritore era solo un’ipotesi che abbiamo sollevato in campagna elettorale senza che nessuno avesse avanzato tale pretesa, anche perchè il sud della provincia non ne ha bisogno", fa sorgere il sospetto poco simpatico che tutto il polverone sia stato sollevato soprattutto a fini elettorali e una volta diradato, del paventato inceneritore non resti neppure l'ombra. Almeno fino alla prossima campagna elettorale

Articolo profetico... e Pinocchio era di "legno".

Mulino Day: Visite, Arte e buon Cibo sulle rive del fiume Olona

Mulino Day è la festa del PLIS dei Mulini (Parco Locale a Interesse Sovracomunale). I comuni che ne fanno parte sono Parabiago, Legnano, Sa...