mercoledì 14 novembre 2012

Distruzione di un paese...



E’ uno dei più grandi e divertenti films della filmografia italiana. Quell’Amici miei di Mario Monicelli che prendeva in giro quel modo di vivere e di divertirsi (ma anche molto altro) propri di una certa ex-gioventù. La supercazzola con lo scappellamento a destra o il bagno di ceffoni alla stazione dei viaggiatori del treno in partenza sono pietre miliari della nostra cultura cinematografica. Deve essere stato in omaggio a quella tradizione filmica che qualche giorno fa pare sia avvenuto qualcosa di simile facendo sparire un Parco: senza un avviso, senza che i cittadini sapessero nulla, senza che un manifesto li preparasse (o chiedesse il loro parere), senza che i vari siti-blog-accountfacebook di questo o quello informassero il paese, ebbene senza nulla di tutto questo, si è ripetuta una delle scene più mitiche di Amici miei: “Qui buttiamo tutto giù!” “Qui si allarga la piazza e si stringe la strada!” “Qui si stringe la piazza e si allarga la strada!” ... Il tutto mentre i cittadini  si chiedono perplessi cosa stia accadendo, cosa si farà, quando l’hanno deciso, chi l’ha deciso, dove. Insomma…: “Qui tutto giù” e stia zitto altrimenti metto una ics sulla tua casa e ti mando contro il giornalino.
 ripreso da qui  

“Ciclopasseggiando in Valle Olona“

E stata presentata alla Liuc - Università Cattaneo la Guida “ Ciclopasseggiando in Valle Olona “alla scoperta dei tesori dei paesi l...