martedì 5 marzo 2013

Che sia la volta b...Uona ?

Uona

A gh’éa‘na ölta un fiüm in Lumbardia
Che in mèzu a buschi nèti al sa scundéa:
estài, autön, invernu e primavéa
par tanta genti al féa da riciàm.

Che bèl scultà cip cip da üselìti
Inséma a ràn a grì a fa cuncertu
Che üci i noci e dì i dean legrìa
Per ringrazià ul cièl dul gran regal;

vidè al dì da Pasqua i pianti in fiùi
mensciài a mìla ài parpài
in mézu a’ na gran fèsta da culùi
in d’una sinfunìa da campàn
a dessi a vùsi d’un paesi a l’oltar
par dissi che u invernu a l’èa passà.

A ga fümea a pipa ul pescadùi,
a röa dul muèn la zifulèa
par cumpagnà i canzon dàa lavanda;
i ram di sàasi e biùl i carezzèan
chèl aqua trasparenti ‘ mè cristal;
i fiö in pentèra i fèan andà contenti
barchèti fèi da giurnal
e a vita la passèa in armunìa
in chèl scenàri pien da puesìa…

però pian pian chèl’ acqua fresca e nèta
a l’ha tacà a gnì grisa, invelenàa
mensciàa con ogni sorta da rifiüdi
a anlùa pèssi e ràn a s’in fèi rài
e a vita l’ha risci à da scomparì
in d’un scenàri da malincunìa:

a röa dul muèn l’è rüginìa
e la zifùla pü, la sa lumenta
parché ghe' piü  i canzon dàa lavand èa
né fiö cu ntenti e nanca pescadùi
o bèi parpài a vultegià sü i fiùi
parchè chèl’ acqua urmài l’è senza vita.

Ma mò sa pòdi già sghisi di sègn
Che i parlan dàa ripresa dàa belèzza
A dimustrà che a gh’è restà a certèzza
Che in pocu tempu al fiüm in lumbardia
Al turnaà a vèssi anmò ‘n giuièl
Ch al sa nascondi in mèzu a buschi nèti
In d’un so mondu da serenità.



Autore: Angelo Azimonti

Olona
C’era una volta un fiume in Lombardia
Che in mezzo a boschi puliti si nascondeva:
estate, autunno, inverno e primavera
per tanta gente faceva da richiamo

che bello ascoltare il cip cip degli uccellini,
che insieme a rane e grilli facevano concerti
tutte le notti e tutta la giornata facevano allegria
per ringraziare il cielo del gran regalo;

il giorno di Pasqua le piante fioriscono
mischiati a mille fili d’erba
in mezzo a un gran coro di festa
si sentiva una sinfonia di campane
che andava da un paese all’altro
per dirsi che l’inverno è passato.

Il pescatore fumava la pipa
E la ruota del mulino fischiava
Per accompagnare le canzoni delle lavandaie;
i rami dei pioppi accarezzavano
acqua trasparente come il cristallo
bagna i fiori rendendoli contenti
barchette fatte con pezzi di giornale
e la vita passa in armonia
in questo posto pieno di poesia…

però piano piano l’acqua fresca e pulita
diventa grigia e inquinata
sporcata da ogni sorte di rifiuti
pesci e rane se ne sono andati
la vita scompare
lascia il posto a questo scenario malinconico

la ruota del mulino si è arrugginita
non fischia più, ma si lamenta
perché non si sentono più le canzoni delle lavandaie
nè ragazzi felici e neanche pescatori
o fili d’erba che volteggiano sui fiumi
perché l’acqua ormai è senza vita.

Ma si sa che poi questi segni
Che parlano di ripresa di bellezza
Dimostrano che resta certo
Che in poco tempo il fiume in Lombardia
Tornerà ad essere un gioiello
Che si nasconde in mezzo a boschi puliti
In un mondo di serenità.



Traduzione: Camilla Ceriani

da http://web.tiscali.it/donmilanitradate/olona.htm


Visto l' impegno di molti cittadini,  questa potrebbe essere la volta buona, sia per il Fiume Olona sia  per l' Ecomuseo

Concorso di Disegno e Fotografia: Gli amici, la bicicletta e la Valle Olona

G.S.SOLBIATESE               ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA              STELLA C.O.N.I.    per meriti sportivi        ...