venerdì 11 settembre 2015

Valle Olona Elisir d’Amore

IL TEMPO SCORRE NELLA FABBRICA RITROVATA - Elisir d’Amore di Gaetano Donizetti Concerto lirico, immagini e movimento A cura di Liceo Musicale Bellini di Tradate (VA) Introduzione: CRT “Teatro-Educazione” EdArtEs di Fagnano Olona (VA)

Domenica 13 settembre 2015. Ore 15.00 Ex-cartiera Alto Milanese Via Carso - Fagnano Olona (VA)


(Foto di Aldo Moroni)

" Nel fondovalle, la grande fabbrica dagli spazi ampi e dai colori sbiaditi è buia e silenziosa. Spiragli di luce lasciano intravedere, oltre i portoni chiusi, misteriosi scorci che la polvere non riesce a offuscare. Al di là del cancello, nella penombra, l’ignoto. Allineate a una parete, vecchie porte, tante volte aperte e poi richiuse su storie passate. Tra gli scaffali abbandonati, cartellette impolverate portano la scritta “Cartiera alto milanese”. Settembre, domenica pomeriggio, i cancelli si aprono. Gli artisti arrivano alla spicciolata, silenziosi si appropriano degli spazi e cominciano a preparare i loro strumenti, il corpo, la voce, la musica. Le voci delle persone risuonano e rimbalzano sui muri. Tra i vecchi pilastri bancali di legno accolgono gli spettatori incuriositi, affascinati. Il silenzio lascia spazio alla voce, la musica alle forme che prendono vita in movimenti essenziali, corpi che tracciano linee e gesti dando nuova vita alle superfici sconnesse e impolverate. Poi torna il silenzio e comincia l’Opera, «melodramma giocoso». La melodia donizettiana trasforma lo sguardo e trasforma l’ambiente; aree, romanze, cavate e duetti si susseguono dando vita a motivi piacevoli che bene mettono in risalto la vena buffa del compositore bergamasco, capace di trasformare con agile inventiva la risata in sorriso, sia pure talvolta velato di malinconia. Tra sogno e immaginari di passato e presente lo sguardo dei molti vive nuove emozioni. L’evento si inserisce all’interno della ricerca del Festival Valle Olona nei confronti dell’archeologia industriale, presenza che caratterizza fortemente questo territorio. Le fabbriche dismesse sono luoghi ricchi di storia e di poesia, dove l’arte trova uno spazio privilegiato in cui esprimersi. In questi spazi l’uomo e la natura si ritrovano uno di fronte alla forza e all’irruenza dell’altro. Il confronto diventa lotta e riappacificazione e l’arte diviene il veicolo tramite il quale i conflitti e gli equilibri si esprimono, permettendo a questi luoghi di ritrovare una dimensione sociale altrimenti perduta".

http://www.edartes.it/doc/Festival_Valle_Olona_2015_libretto.pdf 



Elisir d'Amore è un’opera lirica di Gaetano Donizetti, in due atti: il primo è composto da dieci scene, mentre il secondo è composto da nove. Il libretto è di Felice Romani. L’opera andò in scena per la prima volta il 12 maggio del 1832 al Teatro della Cannobiana di Milano.

Gli eventi del Festival L’Idea del Festival Valle Olona è quella di riuscire a costruire un vero e proprio processo culturale che utilizzi le arti espressive nella loro identità di veicolo educativo e di formazione e che porti a cambiamenti duraturi e reali. La programmazione si compone di iniziative differenziate, tutte pensate con l’obiettivo di creare una coscienza ambientale che possa effettivamente coinvolgere la cittadinanza nella riscoperta dell’ambiente, nella sua tutela e nella sua salvaguardia. Allo stesso modo si punta a creare un nuovo tipo di coscienza culturale e sociale che possa sviluppare stili di vita eco-sostenibili e che possa produrre conseguenze positive anche nella rete economica territoriale. Il progetto si propone di utilizzare in modo innovativo l’arte e i linguaggi espressivi come strumenti culturali. Infatti, in una società come quella attuale in cui l’uomo si trova a dover fronteggiare costantemente una quotidianità estremamente frammentata e caratterizzata da un forte sentimento di isolamento, la cultura deve trovare nuovi strumenti per avvicinarsi alle persone. I linguaggi artistici si offrono come un processo in grado di costruire relazioni, significati e di aprire nuovi sguardi sulla realtà, permettendo di trovare una risposta ai bisogni umani, relazionali della nostra società. Gli eventi in programma prevedono diverse iniziative, alcune di carattere più spettacolare, dove i reali protagonisti restano comunque il Parco e l’Ambiente. L’idea è quella di realizzare performances che nascano dal territorio o che parlino di esso, anche grazie al coinvolgimento di realtà locali o di artisti che reputano l’elemento naturale una parte essenziale della loro arte. Tra le iniziative in calendario c’è anche un convegno di riflessione e laboratori pratici, ovvero che sappia offrire anche strumenti operativi per interventi di pedagogia ambientale. La giornata sarà l’occasione per riflettere e discutere con la popolazione di tematiche calde dal punto di vista ambientale e territoriale, legate al complesso rapporto tra l’uomo e natura. Grande rilevanza e attenzione hanno anche in questa sesta edizione eventi che si pongono la finalità di valorizzare il Parco e la Valle promuovendone la visita e la storia. Tali eventi avranno il compito di stimolare la riflessione e la discussione, senza tralasciare la componente ludica e di divertimento, essenziale per riuscire ad appassionare in maniera profonda i cittadini. In questo modo la creazione di un processo culturale si affiancherà ad un reale e possibile cambiamento a livello di coscienza ambientale nella popolazione.

Mulino Day: Visite, Arte e buon Cibo sulle rive del fiume Olona

Mulino Day è la festa del PLIS dei Mulini (Parco Locale a Interesse Sovracomunale). I comuni che ne fanno parte sono Parabiago, Legnano, Sa...