martedì 14 marzo 2017

Giornata Nazionale del Paesaggio: La Valle Olona

La Giornata nazionale del Paesaggio è istituita con decreto ministeriale del 7 ottobre 2016 e sarà celebrata ogni anno il 14 marzo. L’obiettivo è promuovere la cultura del paesaggio in tutte le sue forme e sensibilizzare i cittadini sui temi ad essa legati attraverso attività da realizzarsi sull’intero territorio nazionale che vedranno il concorso e la collaborazione delle Amministrazioni e delle istituzioni, pubbliche e private. In attuazione della Convenzione Europea del Paesaggio (D.M. n.457/2016) si richiama il Paesaggio quale valore identitario del Paese e si trasmette, soprattutto alle nuove generazioni, il messaggio che la tutela del Paesaggio e la memoria storica che ne deriva costituiscono valori culturali essenziali per uno sviluppo consapevole del territorio.


ed ecco uno dei tanti  Paesaggi della Valle Olona











 (foto dal web)

I riferimenti legislativi sul Paesaggio La tutela del paesaggio è inserita tra i principi fondamentali della Costituzione (art. 9) – “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico ed artistico della Nazione” – quale espressione dell’identità del nostro Paese. Il Codice dei Beni culturali e del Paesaggio (D.lgs 42/2004) – che nella Parte III riassume e aggiorna la legge n. 1497 del 1939 sulle bellezze naturali e la legge così detta "Galasso", n. 431 del 1985 - stabilisce le regole per la difesa e la valorizzazione del paesaggio e definisce le competenze dello Stato e delle Regioni, i quali concorrono alla gestione del patrimonio paesaggistico attraverso la redazione dei piani paesaggistici. Il Codice accoglie i principi della Convenzione Europea del Paesaggio del Consiglio d’Europa, firmata a Firenze il 20 ottobre 2000 e ratificata con legge 9 gennaio 2006, n. 14. La Convenzione rivoluziona il panorama normativo introducendo una concezione di paesaggio non improntata a canoni meramente estetici, ma ad una dimensione oggettiva e globale. Il paesaggio, infatti, si definisce secondo una formula omnicomprensiva, integrata delle sue componenti naturali e umane, cioè come «una determinata parte di territorio, così come è percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall’azione di fattori naturali e/o umani e delle loro interrelazioni». La Convenzione Europea del Paesaggio pone, in particolare, due obiettivi. In primo luogo “integrare il paesaggio nelle politiche relative all’assetto territoriale ed urbanistico, nelle politiche culturali, ambientali, agricole, sociali ed economiche, ed in ogni altra politica che possa avere un’incidenza diretta o indiretta sul paesaggio” (art. 5) e, secondariamente, di “accrescere la sensibilizzazione delle autorità pubbliche al valore dei paesaggi, al loro ruolo e alla loro trasformazione” (art. 6)



http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_asset.html_922377078.html

Concorso di Disegno e Fotografia: Gli amici, la bicicletta e la Valle Olona

G.S.SOLBIATESE               ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA              STELLA C.O.N.I.    per meriti sportivi        ...